Quello che ci è piaciuto dell’Haute Couture a Paris!

Ormai già da qualche giorno è finita la settimana dell’Haute Couture a Parigi, in realtà si sono  spostati tutti a Roma; la frenesia che circonda il mondo della moda mi fa girare la testa, sembra non abbiano il tempo nemmeno di respirare!

Noi comuni mortali possiamo assistere a certi eventi solo dal “buco della serratura“ed in quanto tale ho visto qualche sfilata grazie al fatto che alcune griffe le ripropongono in video sui loro siti o altrimenti in foto; ecco quello che mi è piaciuto di più!

DIOR: Galliano da qualche stagione, almeno per l’haute Cotoure, si rifà all’aplomb delle dive degli anni ’50. Questo però non vuol dire ripetersi, Galliano ha creato anche questa volta abiti magnifici che riprendono quell’opulenza di ricami e di tessuti tipici di Dior! Vi consiglio di andare a vedere il video della sfilata sul sito Dior, perchè rende l’idea dello spettacolo che lo stilista propone ad ogni sua sfilata, la musica, le luci che seguono i colori degli abiti, insomma uno spettacolo con i fiocchi!

GIORGIO ARMANI: Re Giorgio ha giocato a ritorno al futuro. Materiali e tagli futuristici,  dalle giacche agli abiti da sera, che aperti sui fianchi sembrano fluttuare intorno la figura.

CHANEL: Lo stile delle “due C” lo riconoscerebbe anche la donna meno fashion del mondo! Per l’Haute Couture Lagerfeld non si è allontanato dalle caratteristiche della maison seppur lette in chiave più moderna; tanto bianco, per alcuni con dettagli in nero, sovrapposizione di maglie in cotoni pesanti (anche per la sera) contrapposti a gonne leggere,  e poche note di colore ma comunque sempre delicatissimo…le scarpe?! ballerine ultraflat!

ELIE SAAB: io adoro quest’uomo!!! Lo seguo da tempo e sogno un suo abito come poche cose al mondo! E.S sa unire l’innata eleganza oriantale ad abiti che nobilitano e rispettano una donna sempre elegante mai eccessiva, nemmeno quando è totalmente sparklin!!! Anche i colori sono equilibrati, unica nota alta un rosso lacca che acceca.

VALENTINO: Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli anche questa volta hanno dato prova di grande raffinatezza. Anche in questo caso abbiamo una collezione caratterizzata da colori tenui, dai bianchi ai nudi, con un unico colore che contrasta: Sua Maesta ROSSO VALENTINO! in tutto avvolto da un soffio di tessuti leggeri, che in alcuni casi prendono le forme di una medusa; una delle cose che colpisce è l’altezza minima dei tacchi, massimo 5cm, se non proprio ballerine bon ton, rarità durante le sfilate; le modelle avranno ringraziato!

JEAN PAUL GAULTIER: scusate la franchezza ma tanto rumore per nulla! di questa sfilata non si è fatto altro che parlare della cresta posticcia portata dalle modelle e dallo stesso stilista come se fosse una novità assoluta; e i vestiti?! I vestiti se da una parte riprendono le fattezze dei suoi famosi bustini dall’altra strizzano l’occhio al mondo del CanCan, tanto che ha sfilato anche una ballerina.

Questa voce è stata pubblicata in Fashion & News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *